Un autentico terremoto nel mondo dell’automobilismo. Non si può definire altrimenti la notizia che è arrivata quest’oggi ai massimi organi di stampa, e riguarda una fusione che sarebbe stata impensabile anni fa, ed era assolutamente impronosticabile. Nella mattinata odierna Renault ha confermato le clamorose indiscrezioni che erano uscite in Francia, e riguardavano una fusione tra il gruppo francese e FCA per dare vita al più grande e ricco costruttore di auto al mondo.

La soluzione, impronosticabile appunto, darebbe vita a un’autentica rivoluzione nel mondo dell’automobilismo. Il comunicato di Renault è esaustivo nella sua brevità: ”Il Gruppo Renault conferma di aver ricevuto una proposta da FCA (Fiat Chrysler) relativa alla fusione al 50% tra Renault e FCA. Il Consiglio d’Amministrazione si riunirà in mattinata per discutere della proposta”. Il futuro gruppo FCA+Renault venderebbe quasi 10mln di vetture all’anno, e FCA vorrebbe allargare l’eventuale fusione anche a Nissan e Mitsubishi: i tempi tecnici di questa fusione dovrebbero essere di un anno circa, e non ci sarà nessuna chiusura di stabilimenti nè in Italia nè in Francia.

La trattativa ha scatenato il putiferio nel resto del mondo, facendo volare entrambi i gruppi in borsa, e avrebbe l’ok da entrambi i governi: Macron avrebbe dato il suo ok a una fusione che darebbe vita a ”una superpotenza europea”, il governo italiano sarebbe pronto a dare il via libera, chiedendo un paio di garanzie sulla forte presenza di Fiat/FCA nel nostro territorio. Questa grande fusione potrebbe avere ripercussioni anche in chiave-F1: difficile che Renault lasci le competizioni, ma le difficoltà della scuderia francese potrebbero portare a uno scambio di tecnologie e/o informazioni, e magari a una fornitura di motori-Ferrari a Renault. D’altronde la power unit di Ricciardo e Hulkenberg è davvero disastrosa, e chissà che questa fusione tra FCA e Renault, quando sarà ufficiale, non regali sorprese anche nel mondo delle corse…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *