Formula 1

Netflix ha sempre avuto un occhio di riguardo verso il mondo dei motori: film, serie tv e tantissime produzioni originali per gli appassionati. Nei primi mesi del 2019 è stata lanciata una serie rivoluzionaria, che ha suscitato l’entusiasmo degli appassionati del motorsport e della Formula 1. ”Formula 1: Drive to survive”, che presentava al suo interno le immagini e le storie del Mondiale 2018: gli spettatori hanno potuto così vivere il paddock, gli screzi tra piloti e team e il vero carattere di alcuni piloti.

Ci siamo appassionati alle sfuriate di Gunther Steiner (team principal di Haas), abbiamo vissuto il dramma di Williams e Force India, abbiamo esplorato i meandri del folle e meraviglioso carattere di Daniel Ricciardo e vissuto da vicino il momento della scelta di passare a Renault, oltre alle lotte tra la stessa Renault e Red Bull. Tutto questo e molto altro, ma la serie aveva registrato due assenze decisamente importanti: nessuna immagine e/o riferimento a Ferrari e Mercedes, che quel Mondiale se lo sono giocato, ma si sono al tempo stesso rifiutate di prendere parte al progetto, vietando a cameramen e produzione della serie di riprendere le loro vetture e raccontare ciò che accadeva nel loro box.

”Formula 1: Drive to survive” è stata rinnovata per un’altra stagione e ci vedrà ripercorrere l’annata appena conclusa a inizio 2020, e la grande novità è rappresentata proprio dalle Frecce d’Argento e dal Cavallino Rampante: sia Mercedes che Ferrari, spinte dall’entusiasmo dei tifosi per la serie, hanno deciso di prendervi parte, e così Netflix potrà ripercorrere le storie di tutti e dieci i team che si stanno giocando il Mondiale, nella Season 2 della serie. Difficile prevedere se verrà dato spazio al momento complicato di Vettel o ci si concentrerà sull’esplosione di Charles Leclerc, oltre che sulle immancabili sfuriate di Steiner e sugli altri team, ma sicuramente è un passo avanti: entreremo anche nel mini-mondo di Mercedes e Ferrari, in una serie che sarà composta di nove episodi, come nello stile delle ”originali Netflix”.

Toto Wolff aveva annunciato così la presenza di Mercedes nella serie: ”Non siamo stati presenti inizialmente perchè Ferrari, il nostro avversario principale, aveva scelto di non partecipare per evitare distrazioni. Ho visto la serie in Australia e non mi è piaciuta, perchè credevo che non riflettesse esattamente ciò che accade in pista. Mi hanno detto che è stata molto amata da tifosi e appassionati, allora l’ho riguardata con un occhio meno critico, e mi sono reso conto che effettivamente venivano raccontate storie inedite che non accadono in pista, ma riflettono i caratteri dei personaggi coinvolti. Ho guardato tutto sotto un nuovo punto di vista che può attirare nuovi fan, dando una percezione diversa della F1. Per questo ho deciso di far parte della serie di Netflix e far riprendere Mercedes nel 2019, ma solo per una gara, probabilmente Hockenheim”.

Dalla scelta di Mercedes è nata quella di Ferrari, che sicuramente sarà gradita agli appassionati. Ian Holmes, responsabile dei diritti media della F1, ha commentato così il rinnovo della serie: ”Siamo entusiasti di confermare la seconda stagione di ”Formula 1: Drive to survive”. Si tratta di una serie unica che dà modo ai fan di vedere lati nascosti del campionato, mostrando personalità ed emozioni di team e piloti all’interno e al di fuori della griglia. ”Drive to Survive” ci ha dato modo di raggiungere nuovi seguaci a livello mondiale in collaborazione con Netflix e per la seconda stagione ci vogliamo assicurare un prosieguo del ritorno, rendendo questo sport più aperto e accessibile a tutti”.

Personalmente non vediamo l’ora di assistere alla seconda stagione, e voi?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *