Max Verstappen

Le prove libere di ieri erano state interlocutorie, con la pioggia a interrompere i tentativi di long-run e non fornirci reali indicazioni sul passo-gara dei top-team. C’erano due certezze: una Red Bull estremamente competitiva, e una Ferrari che faticava oltremodo nel terzo settore, perdendo almeno un paio di decimi, quand’anche di più. Due certezze che sono rimaste anche in un sabato asciutto e in delle qualifiche altamente spettacolari, che ci hanno fatto assistere alla prima pole position di uno strepitoso Max Verstappen: l’olandese diventa il 100° poleman nella storia della F1, e dopo sette vittorie conquista anche la prima partenza dal palo. Sarà lui davanti a tutti nel GP di domani, e ora andiamo a ripercorrere delle qualifiche davvero intense.

Q1: VERSTAPPEN DAVANTI A TUTTI, LECLERC SBATTEMax Verstappen impone il suo ritmo sin dalla Q1, chiudendo in 1.15.827, e Charles Leclerc inizialmente è il suo primo inseguitore. Il monegasco, in difficoltà nel settore conclusivo per tutta la giornata di ieri, prova a migliorarsi e commette un errore: brutto testacoda nell’ultima curva, e ala posteriore danneggiata. Si teme per la sua presenza in Q2, ma i meccanici-Ferrari faranno un miracolo e lo rimetteranno in pista. La Q1 si chiude con Verstappen davanti a tutti, precedendo di 251 millesimi Hamilton, di 261 Bottas, di 305 Magnussen (entrato a serbatoio scarico per evitare l’eliminazione), di 520 millesimi Leclerc e di 637 millesimi Vettel. Rischia di centrare la prima Q2 stagionale George Russell, che arriva a 1”2 da Verstappen, ed è out di soli 53 millesimi. L’ultimo qualificato alla sessione seguente è Hulkenberg, eliminati invece il britannico e campione F2, Perez, Ricciardo, Stroll e Kubica, ultimo a 2”5 e 1”3 dal compagno.

Q2: HAMILTON PRIMO CON LE MEDIE– Nella Q2 i top-team fanno il tempo subito con gomme medie, quelle con cui partiranno domani in gara, e poi lasciano la scena alle altre scuderie per la durissima battaglia in vista della Q3. Il più veloce con questa mescola è Lewis Hamilton col tempo di 1.15.548, precedendo di 25 millesimi Verstappen e di 121 millesimi Bottas: quarto Leclerc a 244 millesimi, con Vettel quinto a 337 millesimi dal primo. Buona prestazione di Romain Grosjean con la Haas, che è tornata alla configurazione di Melbourne ammettendo un madornale errore nello sviluppo, e sembra essere tornata competitiva. Vengono eliminati Hulkenberg, Albon, Kvyat, Giovinazzi e Magnussen, molto lontano dai tempi del compagno.

F1, GP UNGHERIA: PRIMA POLE PER MAX VERSTAPPEN!– Si giocano così la pole Hamilton, Bottas, Verstappen, Gasly, Leclerc, Vettel, Norris, Sainz, Grosjean e Raikkonen. Max Verstappen sembrava il pilota più performante in queste qualifiche, e lo dimostra praticamente subito, stampando un tempo irraggiungibile per tutti: Ferrari fa la differenza nel primo settore andando addirittura sotto i 27” e poi si perde nel terzo, Red Bull invece è superlativa nel tratto centrale e in quello conclusivo. Il primo giro di Max è strepitoso: 1.14.958, 176 millesimi su Bottas e 186 su Hamilton, con le Ferrari a 388 (Vettel) e 479 millesimi (Leclerc). Il secondo invece è mostruoso, e gli vale la prima pole position in carriera, che lo tramuta nel 100° poleman nella storia della F1: 1.14.572 per Max Verstappen, che precede di 18 millesimi Bottas, di 197 millesimi Hamilton e di quasi mezzo secondo le due Ferrari, con Leclerc staccato di 471 millesimi e Vettel a 499 millesimi. Le Rosse chiudono sopra l’1.15, mentre è molto distante dal compagno Gasly, che chiude sesto a 878 millesimi. Settimo Norris a 1”228, precedendo Sainz (+1.280), Grosjean (+1.441) e Raikkonen (+1.469). È la prima pole per Max Verstappen dunque, che vista la strepitosa forma mostrata negli ultimi GP (due vittorie su tre) ora sogna di rientrare nella lotta per il Mondiale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *