Un paio di settimane di pausa, e rieccoci col Mondiale Motocross, che vive ormai le sue battute finali. L’MXGP di Turchia, che si corre sul fondo duro e compatto dell’Afyon Motorsports Center di Afyonkarahisar (250km da Ankara), è infatti il penultimo appuntamento della stagione e vede chiudersi le stagioni dell’EMX2t e della WMX (orfana di Kiara Fontanesi: diventerà mamma): i team hanno portato tutto per prepararsi nuovamente alla partenza, visto che tra sette giorni la stagione si concluderà col primo MXGP cinese sul circuito realizzato a Shanghai. Andiamo a scoprire cos’è successo in questo weekend, che ha visto tornare al successo Jeffrey Herlings.

MXGP: JEFFREY HERLINGS TORNA AL SUCCESSO– In gara-1 parte molto bene Pauls Jonass, che precede Herlings, Coldenhoff, Gajser, Bogers, Tonus e Lupino. Brutto start invece per Monticelli, mentre cade a inizio manche Tim Gajser, per sua fortuna senza conseguenze. Herlings passa in testa, e dopo dieci minuti ha già un buon margine, con tutti gli altri in fila indiana: Jonass precede Coldenhoff, Seewer, Bogers, Tonus, Paulin e Lupino, con Gajser scatenato nel recupero post-caduta. Rischia la caduta l’olandese della KTM, ma riesce ad ”appoggiarsi” in un canale e ripartire senza perdere tempo. Gajser intanto è una furia ed effettua sorpassi su sorpassi, arrivando a ridosso del gruppetto che si gioca il quinto posto: se la gioca con Paulin e Tonus, ma deve chiudere in sesta posizione. Vittoria a Jeffrey Herlings davanti a Jonass, Coldenhoff, Seewer, Paulin, Gajser, Tonus, Monticelli (8°, era 20°), van Horebeek e Jasikonis. Calo nel finale per Alessandro Lupino, che deve accontentarsi del 15° posto.

Nella seconda manche invece è Glenn Coldenhoff a prendersi la testa della corsa nel secondo rettilineo, precedendo Herlings, Bogers, Gajser, Monticelli, Paulin, Seewer, Jonass. Gajser e Monticelli passano il lento Bogers, e lo sloveno porta al limite Herlings, che va ad avvicinarsi al leader e connazionale Coldenhoff. Contatto tra Seewer e Paulin, che rischia la caduta e poi si ribalta in curva dopo un nuovo contatto con Jonass. Dopo dieci minuti cade Tim Gajser, che lascia il terzo posto a Ivo Monticelli: lo sloveno riparte in quinta posizione e deve recuperare. Supera Bogers che crolla e perde parecchie posizioni, mentre è bellissimo il duello con Monticelli, che vale allo sloveno la terza posizione. Coldenhoff allunga su Herlings, che però cambia ritmo nel finale per dare a tutti una dimostrazione di forza: l’olandese attacca il connazionale e lo passa nell’ultimo giro, conquistando la prima doppietta stagionale. Vittoria per Herlings, che precede Coldenhoff, Gajser, Monticelli ottimo 4°, Jonass, Paulin, van Horebeek, Seewer, Strijbos e Tixier. Nel Mondiale, Tim Gajser sale a quota 744 punti e vola a +202 su Seewer: terzo Gautier Paulin (499), con un misero +11 su Coldenhoff (488).

MX2: CONSUETO DOMINIO DI JORGE PRADO– Jorge Prado non fa prigionieri e parte subito in testa, in un GP che vede in gara anche alcuni protagonisti dell’Europeo, tra cui vd Moosdijk e i nostri Forato e Guadagnini. Lo spagnolo impone il ritmo, Vlaanderen e Renaux scivolano e il vero inseguitore è Jago Geerts, che resta in scia e precede Tom Vialle. Vd Moosdijk è scatenato nel suo debutto mondiale e supera Sterry per la sesta posizione, ma poi ne perde due piantandosi in un canale. Jorge Prado fa il vuoto e va tranquillamente al comando, precedendo Geerts, Renaux, Boisrame e Vialle, che ha alle calcagna Vlaanderen. Si ritira Olsen, e il finale è spettacolare: Renaux va all’attacco di Geerts e cade, Vialle cala di schianto, vd Moosdijk va all’assalto e recupera posizioni. 28° successo di manche stagionale per Jorge Prado, che precede Jago Geerts, Vlaanderen, Renaux, vd Moosdijk (5°), Boisrame, Sterry, Vialle, Forato (9°), Sikyna e Mattia Guadagnini, ottimo 11° con la sua Husqvarna.

Per la 22a volta in stagione Jorge Prado centra l’holeshot in questa gara-2, precedendo Vialle, Geerts e vd Moosdijk, coi nostri Forato e Guadagnini appena fuori dai dieci. Prado scappa e lascia tutti sul posto, con Tom Vialle secondo e con un buon vantaggio per Jago Geerts. Guadagna rapidamente posizioni vd Moosdijk che è addirittura terzo e resiste all’attacco di Renaux, mentre Geerts scivola in quinta posizione. Vittoria autorevole e agevole per Jorge Prado, che sale a quota 29 manches vinte sulle 32 disputate in stagione e ha numeri pazzeschi: ha vinto 15 GP su 16, e quasi tutti passeggiando o senza relativa fatica. Precede in questa manche e sul podio del GP Vialle e vd Moosdijk, che centra il primo podio mondiale: quarto Renaux davanti a Geerts, Vlaanderen, Sterry, Forato ottavo, Evans e Guadagnini che è decimo. Non è partito Thomas Kjer Olsen, che comunque aveva già il secondo posto aritmetico nel Mondiale. Un Mondiale che vede Jorge Prado volare a quota 787 punti, +195 sul danese e +272 su Geerts, che è terzo a +10 su Vialle. Appuntamento a settimana prossima in Cina, per scoprire chi sarà il terzo classificato.

WMX: TITOLO A COURTNEY DUNCAN– Stavolta non ci sono colpi di scena, e Courtney Duncan conquista un meritato titolo nella WMX, il Mondiale femminile. La neozelandese l’anno scorso si era infortunata e aveva visto trionfare Kiara Fontanesi a Imola, ma quest’anno blinda il successo già in gara-1: precede Andersen e vd Ven, che le finiranno dietro anche in gara-2. Nella classifica WMX, Courtney Duncan chiude a quota 239 punti e con un +36 su vd Ven, con Larissa Papenmeier terza a -44 punti dalla nuova campionessa del mondo. Molte emozioni anche nell’ultimo round dell’EMX2t, nuova categoria che però vede al via solo sei piloti ad Afyon. In gara-1 vince Iacopi davanti ad Anderson e Kras, in gara-2 Kras precede Anderson e Baxevanis, con l’italiano sesto e ultimo. Il titolo va a Mike Kras, che chiude a quota 280 punti e vince l’Europeo 2t con un solo punto di vantaggio su Brad Anderson!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *