Tre su tre. La Ferrari è imbattibile dopo la sosta estiva. Dopo le vittorie di Charles Leclerc a Spa e Monza, Sebastian Vettel si sblocca e conquista la sua prima gara nel 2019. Il tedesco sfrutta al meglio la strategia della Rossa volta a mettere sotto scacco Lewis Hamilton, partito dal secondo posto e rimasto alle spalle della SF90 numero 16. Il muretto opta per una sosta anticipata per Seb che attua l’undercut ai danni sia dell’inglese che del compagno di squadra. Un capolavoro di gestione di gomme ed acume tattico che gli consentono di portarsi davanti a tutti i big rientrati ai box, recuperando via via posizioni nei confronti di chi si attarda in pista. Leclerc incassa lo scacco e tenta di reagire, ma l’assalto non va a buon fine e la squadra chiede più attenzione per non rovinare la doppietta. Le Mercedes naufragano alla distanza, complice anche una strategia volta a ritardare il più possibile la sosta. Hamilton e Valtteri Bottas si ritrovano rispettivamente quarto e quinto, le posizioni finali dietro anche al rimontante Max Verstappen.

FATTORE SC

Protagonista indiscussa del Gran Premio di Singapore è la Safety Car. Tre gli ingressi fatti dalla vettura della sicurezza per permettere agli steward di pulire la pista. Il GP diventa dunque una lunga attesa snervante degli ultimi giri, tenendo d’occhio anche il tempo a disposizione. Dopo la terza ripartenza, Leclerc prova ad impensierire Vettel, ma non ha il ritmo giusto e si deve rassegnare alla seconda posizione. Per Sebastian è un dolce ritorno alla vittoria dopo il lungo digiuno che durava dal GP di Belgio 2018.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *