Dalla doppietta-Ferrari a Singapore, al GP di Russia sul circuito di Sochi: tutto nell’arco di una settimana, ma la solfa non sembra essere cambiata. Le Rosse hanno dominato due sessioni di prove libere su tre, venendo insidiate dal solo Max Verstappen, che ha chiuso primo nelle FP2: FP1 ed FP3 sono invece andate a Charles Leclerc, che nella mattinata ha preceduto Vettel, Hamilton e Bottas, con le Mercedes in avvicinamento dopo un venerdì complicato. La novità di giornata è data dal ritorno del binomio McLaren-Mercedes, che lascerà Renault senza clienti dal 2021 in poi, mentre la certezza del sabato sono le sanzioni comminate ai piloti motorizzati Honda: Verstappen ed Albon perderanno cinque posizioni, Gasly dieci e Kvyat dovrà scattare dal fondo per aver montato la quarta power unit stagionale. Il russo sarebbe comunque scattato dal fondo, perchè dopo un problema tecnico nella mattinata non ha potuto disputare le qualifiche. Delle qualifiche che hanno visto nuovamente Charles Leclerc davanti a tutti: andiamo a scoprire i risultati odierni.

Q1: VETTEL DAVANTI A TUTTI– Lewis Hamilton è il migliore dopo il primo giro lanciato (seguono Verstappen, Leclerc e Bottas), mentre Sebastian Vettel commette un errore nel settore finale e si trova in ultima posizione. La sessione viene interrotta a sei minuti dal termine per un brutto testacoda di Alex Albon, che va a distruggere l’alettone posteriore e si trova in un punto pericoloso del tracciato. Bandiera rossa, una decina di minuti di stop e si riparte, con Sebastian Vettel che effettua un gran giro per rientrare nei quindici qualificati alla Q2. Il tedesco è primo in 1.33.032, precedendo di 198 millesimi Hamilton e di 336 millesimi Verstappen, con Bottas quarto (+0.381) davanti a Leclerc (+0.581). Il monegasco è stato tranquillo in questa sessione, effettuando il suo giro con gomme medie, che non sono le più performanti sul giro secco. Giovinazzi si qualifica per un soffio, precedendo Kimi Raikkonen di 85 millesimi e sfruttando l’errore del compagno di squadra nell’ultima curva. Out Kimi, Russell, Kubica, Albon e ovviamente Kvyat che non era manco sceso in pista.

Q2: LECLERC-VETTEL IN TESTA, MERCEDES STACCATE– Dopo il relativo riposo della Q1, Charles Leclerc si scatena nella Q2 e ottiene subito il giro più veloce, rifilando inizialmente sei decimi a tutti. Crono di 1.32.434 per il fenomeno monegasco, sempre più a suo agio con una Ferrari in crescita: nel secondo giro Vettel si migliora e si porta a 102 millesimi, con Max Verstappen terzo a 200 millesimi. Molto più staccate le Mercedes, con Lewis Hamilton quarto a 700 millesimi e Valtteri Bottas quinto a 847 millesimi. Vengono eliminati Gasly, Perez, Giovinazzi, Magnussen e Lance Stroll: il francese, ora in Toro Rosso, è out per soli 52 millesimi.

F1, GP RUSSIA: QUARTA POLE CONSECUTIVA PER CHARLES LECLERC!– Charles Leclerc sembra nuovamente il favorito per la pole position, dunque, e lo conferma sin dal primo giro della sessione decisiva. Il monegasco chiude in 1.31.801, precedendo di 334 millesimi Vettel e di 564 millesimi Lewis Hamilton, con gli altri più staccati. Questo tempo basterebbe già per la pole, ma Charles è un cannibale ed effettua un secondo giro ad altissima velocità, che gli regala la quarta pole position consecutiva e la sesta pole stagionale nonostante un errorino nel settore finale: Charles Leclerc chiude in 1.31.628, precedendo di 402 millesimi Hamilton e di 425 millesimi Vettel, che come a Singapore è terzo per una ventina di millesimi. Quarto Max Verstappen a 682 millesimi (ma partirà 9°), mentre Valtteri Bottas abortisce il giro accontentandosi del quinto posto a 1”. Chiudono la top-10 Sainz, Hulkenberg, Norris, Grosjean e Ricciardo. Charles Leclerc scatterà nuovamente davanti a tutti, ed è il secondo ferrarista capace di centrare quattro pole consecutive (il primo fu Schumacher): riuscirà a vincere nuovamente?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *