Non solo MotoGP e Motomondiale nel weekend di gara che si è concluso ieri. Se infatti il GP della Thailandia ha catturato tutte le attenzioni, in gara c’erano anche il Mondiale Rally e il Mondiale endurance, che nelle scorse settimane aveva visto iniziare la Super-Season 2019-20, la seconda col nuovo formato che vedrà concludersi le ostilità a Le Mans. Andiamo a ripercorrere ciò che è successo nelle altre serie motoristiche.

WRC: OTT TANAK VINCE IL WALES RALLY GB, TITOLO VICINO– Ott Tanak non si ferma più, e conquista la sesta vittoria sui 12 appuntamenti disputati sin qui nel Mondiale Rally. L’estone e il fido Martin Jarveoja si avvicinano a grandi passi al primo titolo mondiale WRC, un’affermazione che sarebbe ampiamente meritata per la velocità mostrata e per le numerose prove di forza stagionali. Ott Tanak è stato semplicemente imbattibile nel Wales Rally GB, chiudendo con la sua Toyota davanti a tutti dopo aver rintuzzato gli attacchi di Thierry Neuville, e vincendo anche la Power Stage domenicale, conquistando così i cinque punti extra. L’estone, che potrebbe già conquistare il Mondiale nel Rally Catalunya a fine ottobre, ha preceduto appunto Thierry Neuville e Sebastien Ogier, che vede sfumare il sogno del settimo titolo iridato a causa di una Citroen C3 non competitiva come la vettura del leader. Toyota esulta per Tanak, e anche per il quarto posto di Kris Meeke, che riapre la corsa al titolo costruttori, visto che ci sono solo otto punti tra la casa nipponica la leader Hyundai. Quinto posto per un ottimo Elfyn Evans con M-Sport, precedendo Mikkelsen, Tidemand e Breen. Nel Mondiale, Ott Tanak guida con 240pti, +28 su Ogier e +41 su Neuville.

Notizie importanti dal WRC2, che ha visto esultare Kalle Rovanpera: il giovane e talentuoso figlio d’arte ha coronato una stagione fantastica con la vittoria del Mondiale piloti nella classe WRC2Pro, e l’anno prossimo potrà così debuttare ufficialmente nel WRC e mettere in mostra il suo talento. WRC2 che premia invece Petter Solberg, che ha vinto nella classifica WRC2 privati e ha conquistato la sua ultima vittoria in carriera: il 45enne, che ha chiuso addirittura 10° assoluto, si ritira con un sorriso e gareggiando al fianco del figlio (18enne) Oliver, che si è però ritirato per un guasto alla sua Volkswagen Polo GTI R5. Da un Solberg all’altro, e Oliver sembra avere le carte per provare a seguire le orme di papà.

WEC: DOPPIETTA TOYOTA AL FUJI, TUTTI I RISULTATI– Toyota continua a dominare il Mondiale endurance, anche senza Fernando Alonso. Dopo aver fatto doppietta a Silverstone, la casa nipponica si ripete nella 6h casalinga del Fuji, invertendo l’ordine degli addendi: vittoria per la #8 guidata da Buemi, Nakajima e Hartley, secondo posto per la #7 di Kobayashi, Lopez e Conway, staccata di 34” dai vincitori. Questa situazione determina così una classifica del Mondiale che vede i due equipaggi Toyota appaiati a 44 punti, mentre è terza la Rebellion di Bruno Senna, Gustavo Menezes e Norman Nato dopo un’ottima gara: il pilota brasiliano era stato a lungo a ridosso della seconda Toyota, salvo poi chiudere a due giri e con un onorevole podio. Nella LMP2, vittoria per van der Garde, Frits van Eerd e il giovane Nyck de Vries, che da campione del mondo F2 debutta nel WEC con una vittoria, precedendo la Oreca di Antonio Felix da Costa, Davidson e Gonzalez e la vettura del team DC Jackie Chan Racing (Ho-Pin Tung, Aubry, Stevens): guidano il Mondiale van der Garde e van Eerd con 41pti.

Nelle ruote coperte, gode Aston Martin, che vince la gara della GTE Pro con la #95 guidata da Marco Sorensen e Nicki Thiim: i due rifilano un giro alla Porsche 911 RSR di Christensen ed Estre, attuale leader del Mondiale, mentre è terza l’altra Aston Martin di Lynn e Martin, che precede le Ferrari AF Corse di Calado-Pier Guidi e Molina-Rigon, col 6° posto della Porsche di Bruni e Lietz, che avevano conquistato la pole. Aston Martin vince anche nella GTE Am, con l’equipaggio di Yoluc, Eastwood e Adam. Il WEC tornerà tra qualche settimana con la 4h di Shanghai, prevista per il 10 novembre.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *