Hyundai

Il Mondiale Rally si è concluso ufficialmente nella mattinata odierna, di fatto… non concludendosi. L’anno scorso Ott Tanak aveva conquistato il titolo piloti WRC, il primo della sua carriera, per poi annunciare ufficialmente il passaggio in Hyundai per la prossima stagione e il mancato rinnovo con Toyota.

Quest’oggi, invece, è stato assegnato anche il titolo costruttori, che è stato vinto proprio dalla casa sudcoreana. Tutto è successo per questioni esterne al WRC: l’Australia è soggiogata da giorni da tutta una serie di gravissimi incendi, che rendevano di fatto impossibile correre il Rally d’Australia (prova conclusiva) nella sua interezza. L’organizzazione ha provato ad allestire una gara “accorciata” di sole 59 miglia, con sole sette speciali e un tracciato circolare, salvo poi arrendersi all’ineluttabile. La situazione era troppo critica per organizzare la gara, e così il Rally d’Australia è stato ufficialmente cancellato.

Questo di fatto regala il titolo mondiale costruttori a Hyundai, che aveva 380pti contro i 362pti di Toyota, vincitrice del titolo costruttori l’anno scorso. Hyundai, che ha vinto quattro rally stagionali (3 Neuville, 1 Sordo), ha conquistato così il suo primo Mondiale come casa, proprio mentre i piloti erano ancora fermi in hotel e/o al Parco Assistenza di Coffs Harbour: un grande successo per la squadra diretta da Andrea Adamo, semplicemente perfetta a livello complessivo nell’intero arco della stagione. I 380pti di Toyota valgono il Mondiale, e denotano l’ottima stagione del team: Thierry Neuville è arrivato secondo nel Mondiale alle spalle di Tanak (precedendo Ogier), mentre Mikkelsen, Sordo, Loeb e Breen hanno fatto il loro e consentito a Hyundai di raggiungere l’obiettivo inseguito per tante stagioni da eterna seconda.

Primo titolo costruttori per Hyundai dunque, e l’anno prossimo la casa sudcoreana potrebbe confermarsi: l’arrivo di Tanak va a costituire un autentico Dream Team con l’estone, Loeb, Neuville e Sordo a portare punti. Difficilmente il titolo 2020 sfuggirà a Hyundai.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *