Dopo lo scontro tra Leclerc e Vettel, che ha lasciato importanti strascichi in casa-Ferrari, ecco un altro potenziale guaio per la Rossa. Il motivo è presto detto, e risale alla lunghissima polemica sulle power unit Ferrari, accusate di avere più velocità di quanto dovrebbero e di non essere regolamentari: in particolare, era stata Red Bull a sollevare la polemica, lamentandosi di presunte alterazioni al flussometro e della possibilità di “iniezioni” extra di benzina per aumentare le prestazioni della power unit ed aggirare il regolamento.

Max Verstappen era stato durissimo con Ferrari dopo il Messico: “La Ferrari ha smesso di vincere? Succede quando smetti di barare”. Le polemiche erano state spente dalle direttive FIA successive alle proteste, ma evidentemente non del tutto e si sono riaccese in Brasile. Stando a quanto riporta Auto Moto und Sport, la FIA ha svolto controlli approfonditi alle power unit di Ferrari e Alfa Romeo dopo Interlagos, per stabilire se ci siano aree grigie del regolamento che possano essere stati sfruttati dai tecnici della Rossa per aumentare le prestazioni del motore e della monoposto: alcuni pezzi della power unit delle Ferrari e delle Alfa Romeo sarebbero stati confiscati insieme alle pompe di benzina: un controllo che deriva dalle proteste, e che dovrebbe chiarire definitivamente la questione. L’idea, tra l’altro, è quella di ispezionare se ci sono differenze significative tra le componenti utilizzate dalla squadra ufficiale e dal suo team clienti.

Tutto potrebbe portare a una nuova direttiva tecnica (definitiva?), dopo quella emessa in Brasile sul divieto di emettere liquido di raffreddamento in camera di combustione (che non ha intaccato le prestazioni-Ferrari), ma non è finita qui, perchè sotto la lente d’ingrandimento c’è anche Red Bull. La scuderia austriaca ha mostrato una velocità mai vista prima in rettilineo ad Interlagos (con tanto di frecciatina di Vettel), che le ha consentito di sverniciare le Mercedes e rendersi imprendibile: per questo la FIA avrebbe sequestrato componenti della power unit Honda della RBR, così da risolvere il caso una volta per tutte. Vedremo se ci saranno novità e/o provvedimenti della FIA riguardo al power unit-gate.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *