Antonio Cairoli

Il primo MXGP della stagione, disputato sull’apprezzato e tecnico circuito britannico di Matterley Basin, ha avuto come grande protagonista Jeffrey Herlings: l’olandese ha vinto autorevolmente la 1a manche e controllato nella seconda, accontentandosi della prima tabella rossa stagionale e chiudendo alle spalle di Tim Gajser, poi secondo nel GP. Tutti gli occhi degli appassionati italiani, però, erano puntati qualche posizione più indietro: la gara d’avvio del Mondiale Motocross sanciva infatti il grande ritorno di Antonio Cairoli.

Tony era fermo dall’MXGP della Lettonia, concluso all’11° posto nella classifica finale del GP, e da quel brutto infortunio alla spalla che aveva di fatto interrotto il suo percorso a metà stagione. TC222 si era rotto il tendine sovraspinato e quello sottoscapolare, procurandosi un infortunio che rendeva impossibile la guida e necessaria l’operazione: Tony si era sottoposto a un intervento chirurgico e da lì aveva iniziato un lungo recupero che l’aveva portato a decidere di saltare anche gli Internazionali d’Italia 2020 per non forzare su una spalla in recupero. Nonostante una condizione ancora al 50/60%, Antonio Cairoli ha ottenuto ottimi risultati in Gran Bretagna: 4° in gara-1 e 3° in gara-2, ma soprattutto sul podio del GP. Un podio che l’ha portato a quota 166 in carriera, eguagliando il record assoluto di Stefan Everts: proverà a superarlo domenica a Valkenswaard.

Podio al ritorno e due rivali temibili da affrontare, perchè Gajser ed Herlings hanno mostrato il loro potenziale, ma anche un nuovo problema fisico di cui nessuno si era di fatto accorto. Antonio Cairoli sta pian piano recuperando dalla spalla, ma a Matterley Basin ha corso comunque infortunato: è lo stesso Tony a raccontarlo nel comunicato rilasciato dal suo ufficio stampa sull’MXGP britannico. Il nove volte campione del mondo ha infatti gareggiato nonostante un infortunio al ginocchio che ne ha dunque limitato le prestazioni, e probabilmente si trascinerà questo problema per qualche GP.

TC222 lo racconta così: “La mia spalla è migliorata nelle ultime settimane, ma settimana scorsa mentre mi allenavo in Belgio mi si è girato il ginocchio destro e ho sentito un crack. Ho pensato: “La stagione è già finita ancora prima di cominciare”. Sono andato dal medico, ho fatto gli esami e mi hanno confermato uno stiramento di 2° grado al legamento. Ieri (sabato) e oggi (domenica) ho preso un duro colpo al ginocchio e tutti i canali che si sono creati sulla pista non mi hanno certamente aiutato. Dovrò lavorare sul muscolo per renderlo il più stabile possibile. Essere sul podio su questa pista e in queste condizioni è stato sorprendente e gratificante”. La stagione per Tony Cairoli parte dunque già col piede sbagliato: l’infortunio lo limiterà e potrebbe anche aggravarsi di gara in gara. Speriamo che Tony possa riprendersi quanto prima e lottare per il Mondiale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *