Sorrisi, salti sul divano, battute scherzose. Ma anche tanta voglia di fare sul serio. La prima gara virtuale della MotoGP si rivela un piacevole appuntamento per i tifosi in astinenza di motori. Purtroppo l’avvio della stagione reale tarda ad arrivare, ma ai joystick i protagonisti delle due ruote non fanno rimpiangere lo slittamento, regalando un pomeriggio all’insegna del divertimento. Dai fratelli Marc e Alex Marquez a Maverick Vinales, da Fabio Quartararo a Francesco Bagnaia, da Alex Rins a Joan Mir, passando per Aleix Espargaro, Iker Lecuona, Miguel Oliveira: un cast stellare, collegato in diretta via Skype, che ha sfrecciato sul Mugello… virtualmente.

LA GARA

L’appuntamento, trasmesso in streaming dalla pagina ufficiale della MotoGP e da Sky Sport, ha seguito fedelmente il programma del week end di gara. Prima le prove libere e quindi le qualifiche, che hanno premiato lo scatenato Fabio Quartararo, davanti a Bagnaia, Vinales e ai due fratelli Marquez, con Alex davanti a Marc. Il primo colpo di scena lo ha regalato Espargarò che ha utilizzato il pretesto di un motore in fumo (guasto che non si poteva verificare nello scenario virtuale) per assentarsi per qualche minuto dalla lotta per il giro più veloce. La partenza ha visto un Alex Marquez scatenato davanti a Bagnaia, mentre Quartararo l’ha combinata grossa, centrando Vinales e travolgendo mezzo schieramento. La rimonta del francese non si è fatta attendere tra curve leggermente tagliate e contatti durissimi che hanno fatto disperare il povero Rins, vittima incolpevole delle simpatiche angherie del pilota Yamaha. Mentre nelle retrovie prendeva corpo una bagarre senza esclusione di colpi, con svariate cadute, in testa Marquez Junior allungava su Bagnaia e il fratello Marc, decisamente in difficoltà con il passare dei giri. Il maggiore dei due fratelli veniva ripreso e superato prima da Vinales e poi da Quartararo, complice anche una scivolata nel tentativo di difendersi dall’assalto di “Top Gun”. La gara si è decisa negli ultimi due giri con “Pecco” a terra nel tentativo di resistere al ritmo di Alex. Lo spagnolo si è preso così la soddisfazione di vincere il primo GP virtuale, davanti a Bagnaia e Vinales, Quarto Quartararo davanti a Marc Marquez, Rins, Mir, Oliveira e Lecuona, che registra il record di 8 cadute in 6 giri.

SORRISI

L’esperimento sembra essere piaciuto anche ai piloti, apparsi molto seri e concentrati durante la competizione, ma molto più tranquilli e sereni nel post gara. In tanti hanno accusato simpaticamente Quartararo e la sua guida a dir poco garibaldina. Alex Marquez, invece, ha preso in giro il fratello: “L’obiettivo non era quello di vincere, ma quando mi sono trovato davanti a Pecco ho cercato di restare tranquillo, aumentando il vantaggio. Certo mi ha dato molto gusto battere mio fratello…”. Marc ha replicato leggermente infastidito dal piazzamento: “Il mio obiettivo era chiudere nella top five, sono contento così”. Una spiegazione che, tutto sommato, regge anche alla luce della rivelazione di Vinales: il maggiore dei fratelli Marquez non aveva mai provato prima il gioco. Insomma, il prossimo appuntamento fissato per 12 aprile, sarà ancora più divertente. E c’è chi avanza una proposta, sicuramente molto gradita a piloti che non vedono abitualmente il podio, come Bagnaia: “E se i piazzamenti valessero anche per il campionato reale?”. Un suggerimento accolto da una gran risata generale prima dei saluti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *