Danilo Petrucci

È ancora tempo di mercato-piloti in MotoGP. Se infatti la F1 affina gli ultimi dettagli in vista della ripresa ufficiale tra una decina di giorni (5 luglio), ccol primo dei due GP d’Austria al Red Bull Ring, per rivedere i colossi del motociclismo in pista serviranno invece ancora venti giorni: il primo GP della stagione è previsto per il 19 luglio a Jerez, e le scuderie sono sempre impegnate nella definizione della line-up per il 2021.

Uno dei movimenti più attesi riguardava Danilo Petrucci, scaricato da Ducati, che ha ingaggiato Jack Miller per il team ufficiale e rinnoverà con Dovizioso, oltre ad aver chiuso le porte dei suoi team satellite al pilota ternano (Zarco dovrebbe salire in Pramac con Bagnaia). Nei giorni scorsi vi avevamo parlato della trattativa in corso tra Petrucci e KTM, una trattativa che ora ha assunto tutti i crismi dell’ufficialità, ma con una sorpresa. Nella giornata odierna KTM ha infatti ufficializzato l’ingaggio dell’italiano, ma non per il suo team ufficiale.

Le due KTM Factory Racing verranno infatti guidate da Brad Binder e Miguel Oliveira, con quest’ultimo promosso nel team ufficiale: Oliveira, autore di una buona prima annata in MotoGP nel 2019, si aspettava la KTM ufficiale già nel 2020, ma venne scavalcato a sorpresa da Binder e minacciò l’addio. Nel tentativo (riuscito) di ricucire lo strappo, Pit Beirer gli aveva promesso la promozione nel team ufficiale per il 2021. Promessa mantenuta, e così Danilo Petrucci deve passare dalla Ducati ufficiale alla KTM clienti griffata Tech 3: sulla carta uno smacco, visto che il pilota italiano a differenza dei colleghi ha già vinto una gara e ottenuto piazzamenti di rilievo, ma va anche detto che KTM riserva a tutti i suoi piloti lo stesso trattamento e la moto ufficiale. Petrucci ripartirà così dalla KTM Tech 3, al fianco di Iker Lecuona, e sarà il “vecchio saggio” del giovanissimo gruppo di piloti della casa austriaca: avrà maggiori responsabilità nel collaudo e dovrà aiutare KTM a fare il prossimo passo.

Il suo arrivo, inoltre, sancisce l’addio di Pol Espargaro: manca solo l’ufficialità per il suo sbarco in HRC al fianco di Marc Marquez, con Alex Marquez probabilmente dirottato da Cecchinello e Crutchlow in SBK.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *