Il grande protagonista della gara inaugurale della MotoGP a Jerez, forse anche più del vincitore Quartararo, è stato Marc Marquez. Dopo un ottimo avvio, un “lungo” ha fatto scivolare il campione del mondo nelle retrovie e dato vita a una furibonda rimonta: come in quello storico “comeback” dall’ultima posizione in Moto3 all’Estoril, Marc è stato posseduto dal demone della velocità, effettuando sorpassi su sorpassi e inanellando giri veloci in sequenza. A cinque giri dal termine era terzo e alle spalle di Vinales, con soli 5” di ritardo da Quartararo e mezzo secondo guadagnato in ogni giro nonostante sorpassi e sportellate.

Il demone della velocità dà, il demone della velocità toglie, in questo caso con un high-side tremendo alla curva 3: Marquez è caduto malamente sul braccio, fratturandosi l’omero. Siccome faticava a muovere tutto il braccio dopo il secondo impatto con la moto, si temeva anche l’interessamento del nervo radiale, che avrebbe comportato un lunghissimo stop e rischi per il ritorno al 100% della funzionalità brachiale. Per fortuna, questa ipotesi è stata subito scongiurato. Nell’intervento effettuato oggi all’ospedale Dexeus di Barcellona, i medici oltre a fissare e stabilizzare la frattura con una placca di titanio e diverse viti, hanno certificato che il nervo radiale è integro e intatto.

Marquez tira un sospiro di sollievo dunque, e ora potrà iniziare il suo percorso verso il rientro: difficile ipotizzare una data, vista la zona della lesione, ma il pilota vorrebbe bruciare le tappe e ripresentarsi in griglia già il 9 agosto a Brno, nella terza prova di questo particolre Motomondiale. Così facendo Marquez, che in un attimo di follia post-caduta voleva già presentarsi in pista domenica prossima a Jerez e invece salterà il GP, collezionerebbe solo due zeri: Jerez I e Jerez II, dove HRC schiererà il solo Alex Marquez. Rientrando a Brno lo spagnolo rischierebbe qualcosa dal punto di vista fisico, ma resterebbe in corsa per il titolo in questo breve Mondiale: Mondiale che invece diventerebbe un’utopia saltando tre gare. Vedremo se il fisico risponderà come si aspetta Marc Marquez, oppure se il suo stop sarà più lungo e il recupero più laborioso…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *