La KTM riparte dalla vittoria di Brno con grande entusiasmo e i risultati delle prove libere in Austria sembrano già promettere bene. La casa austriaca piazza subito al comando Pol Espargaro, il grande deluso dell’ultimo GP, che chiude davanti a tutti la sessione di libere del mattino con il tempo di 1:24.193. Un risultato che gli ha consentito di essere il più veloce a causa della pioggia caduta nel pomeriggio, che ha vanificato ogni tentativo di migliorare quanto fatto nella mattinata. La buona messa a punto della scuderia targata Red Bull viene confermata dal settimo crono di Miguel Oliveira. Faticano Iker Lecuona e, a sorpresa, il vincitore dell’ultimo Gran Premio, Brad Binder, rispettivamente quindicesimo e sedicesimo.

DUCATI PRESENTEandrea

Non sarà una passeggiata per KTM vincere in Austria perché la Ducati è competitiva, almeno a giudicare dall’ottimo secondo posto di Andrea Dovizioso nella classifica dei tempi, distante solamente 44 millesimi dalla prima posizione. Anche le altre moto di Borgo Panigale non sfigurano: Johann Zarco è sesto, mentre Jack Miller chiude ottavo. Più staccato Danilo Petrucci, dodicesimo.

QUI YAMAHA

Non brilla la Yamaha. Il migliore dello squadrone di Iwata è Franco Morbidelli, esaltato dall’ottimo secondo posto di Brno. Le altre moto, però, finiscono più distanti. Non sembra brillare particolarmente Fabio Quartararo: il leader del Mondiale è decimo. Se la passano peggio Maverick Vinales e Valentino Rossi, rispettivamente in undicesima e tredicesima posizione. Il Dottore si conferma comunque competitivo con le gomme usate.

LE ALTRE

La Suzuki sembra essere tornata competitiva, come dimostra il quarto posto di Alex Rins. Nona posizione per il compagno di marca Joan Mir. In casa Honda umori contrastanti: continua a sorprendere l’ottimo Takaaki Nakagami, terzo nella classifica combinata, ma gli altri piloti sono in crisi nera. Cal Crutchlow è quattordicesimo, mentre gli ufficiali Alex Marquez e Stefan Bradl chiudono il loro turno in diciannovesima e ventunesima posizione. Diciottesimo Aleix Espargaro, il primo delle Aprilia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *