Sorpasso e controsorpasso, in pista e in classifica. Scott Redding torna a ruggire dopo il difficile week end di Portimao, in Portogallo. La risposta del pilota della Ducati è convincente come testimoniato dalla vittoria in gara 1 ad Aragon. La piazza d’onore di Chaz Davies ribadisce la netta superiorità della marca italiana, da sempre a suo agio sui curvoni veloci e sui lunghissimi rettilinei del circuito spagnolo. Terzo posto per Jonathan Rea: il campione del mondo su Kawasaki prova in tutti i modi a frenare lo strapotere della squadra di Borgo Panigale, ma deve arrendersi al termine di una bellissima bagarre.

LA GARA

La pole position stratosferica di Rea illude tutti che la Kawasaki possa davvero spodestare la Ducati ad Aragon. Una convinzione maturata anche dai test delle scorse settimane, con la Verdona sempre davanti. Ma la gara dice ben altro. Rea prova a scappare, ma viene braccato dalle Ducati di Redding e Davies. La seconda Kawasaki, quella di Alex Lowes, finisce per disarcionare il suo guidatore e termina la sua gara dopo soli 5 giri. In testa è lotta serrata tra Johnny e Scott: chi vince va in testa alla classifica. Redding balza al comando e prova ad allungare, ma Rea non molla la presa e tenta un disperato attacco a quattro giri dalla fine. Un assalto che finisce con il lungo nelle prime curve. L’errore del campione del mondo ringalluzzisce Davies che lo passa e si mette all’inseguimento del compagno di squadra. Missione fallita, anche se non di molto. Vince Redding che va al comando del Mondiale con 5 punti di vantaggio su Rea, terzo al traguardo dietro a Chaz. Quarto posto per Michael Rinaldi, completando l’ottima giornata della Ducati. Quinto Michael Van der Mark su Yamaha, davanti alla moto gemella di Toprak Razgatlioglu.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *