Sembrava tutto pronto per la grande festa. A Magny Cours nel box Kawasaki erano già pronti champagne e magliette celebrative per onorare due traguardi clamorosi: la vittoria numero 100 e il sesto titolo iridato. Non è arrivato nulla di tutto ciò per Jonathan Rea. In Francia il Cannibale si è dovuto fermare a un passo dalla giornata perfetta. Tutta colpa di una seconda manche piuttosto particolare, con un asfalto viscido, ma senza la pioggia battente del sabato e della mattinata. Le condizioni ibride rilanciano i cavalli della Ducati che torna prepotentemente alla ribalta. Scott Redding conquista un successo che mancava da due appuntamenti. L’inglese annulla il primo match point, ma resta comunque a distanza siderale: i punti di distacco restano 59.

SUPERPOLE RACE

Dopo una prima manche dominata in lungo e in largo, Rea concede il bis nella Superpole Race. Il nordirlandese scatta bene al via infilando le due BMW e dettando il ritmo. Alle sue spalle si pone Alex Lowes sull’altra Kawasaki, mentre in terza posizione risale Michael Van der Mark, seguito da Scott Redding. La pioggia non è particolarmente battente, pur non abbandonando mai la gara. Verso metà manche, Rea allunga nettamente e si invola verso la vittoria numero 99 in carriera. Secondo è Lowes, mentre la sfida per il terzo posto vede prevalere Van der Mark su Redding al termine di un corpo a corpo durissimo, che incendia le ultime tre curve. A punti anche Chaz Davies, Loris Baz, Michael Rinaldi, Garrett Gerloff, Toprak Razgatlioglu e Leandro Mercado.

GARA 2

Rea pregusta l’appuntamento con la storia. La Kawasaki numero 1 prende subito il comando delle operazioni, ma al termine del primo passaggio è già braccata dalla Ducati di Redding. Il numero 45 va in testa e giro dopo giro si scrolla di dosso la compagnia di Johnny, apparso in difficoltà in accelerazione. Il campione in carica fatica tremendamente e viene infilato prima da Baz e poi da Davies. Non basta l’assalto finale per conquistare l’ultimo gradino del podio che basterebbe per assicurarsi il sesto Mondiale: il gallese resiste e ipoteca anche la terza posizione nel Mondiale. A punti anche Van der Mark, Rinaldi, Lowes, Gerloff, Razgatlioglu, Sykes, Caricasulo, Barrier, Haslam, Laverty e Bautista. Tutto rinviato tra due settimane nell’appuntamento conclusivo all’Estoril. Rea vanta 59 punti di vantaggio su 62 da assegnare. Per laurearsi iridato per la sesta volta consecutiva, potrà piazzarsi tredicesimo e chiudere la pratica già in gara 1, vanificando una nuova vittoria di Redding. Insomma, la festa è solamente rimandata.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *