Mercedes GP del Portogallo

Alla fine, il record è caduto. Dopo averlo eguagliato in Germania nel gran premio del Nürburgring, Lewis Hamilton ha superato il primato di Michael Schumacher centrando la novantaduesima vittoria in un gp di Formula 1, un giorno dopo aver segnato la 97a pole della sua carriera.

La gara portoghese, rientrata in calendario in extremis vista l’impossibilità di correre ad Hanoi in Vietnam, mancava dal 1996: si correva ad Estoril e a dominarla nelle ultime tre stagioni era stata la Williams-Renault (con Hill, Coulthard e Jacques Villeneuve, ndr).

Il resoconto del GP del Portogallo

Un’era fa, il GP del Portogallo del 2020 si è corso in Algarve e la potenza degli ultimi anni si chiama Mercedes. Dietro a Hamilton, infatti, si è piazzato Valtteri Bottas mentre al terzo posto è arrivato Verstappen con la Red-Bull. E dire che la gara, corsa su un circuito un po’ più tecnico rispetto a quelli ai quali ci si è abituati negli ultimi anni, aveva preso una piega inaspettata.

Sì, perché la pioggia ha stravolto un po’ i piani delle squadre e Bottas si è ritrovato davanti al più quotato compagno di squadra. Niente che possa però spaventare il campione del mondo: Hamilton, infatti, ha passato Bottas dopo una ventina di giri e il finlandese si è ritrovato a dover tenere dietro Verstappen. Quarto, invece, si è classificato Leclerc con la Ferrari che, almeno con il pilota monegasco, è riuscita a sembrare al livello delle prime della classe. Anche perché Vettel, decimo, non ha dato segnali incoraggianti.

Il meteo, il parapiglia in partenza e una Ferrari che (sembra) aver tenuto il passo

La pioggia, come si diceva, ha dato al GP del Portogallo una partenza abbastanza movimentata con le due Mercedes che si sono da subito giocate la testa della corsa, mentre Leclerc è partito un po’ condizionato dal via sul lato sporco del circuito. Verstappen, invece, si è subito buttato in un duello con Perez: il messicano della Haas però ha avuto la peggio ed è finito nell’erba in testacoda. Ma in mezzo a questa confusione, a dare il meglio di sé grazie alle gomme, è stato Sainz che si è messo al comando della gara, mentre anche Raikkonen faceva segnare ottimi tempi.

Hamilton

Hamilton festeggia al GP del Portogallo (Twitter)

Ma le soft di Sainz non sono durate a lungo e il sorpasso delle due Mercedes, con Bottas ancora davanti a Hamilton, e di Verstappen prima e quello successivo di Leclerc liberatosi di Raikkonen hanno sancito il ritorno dello spagnolo nelle posizioni centrali del gruppo.

Hamilton ha poi atteso il ventunesimo giro per superare Bottas e iniziare a far segnare una serie di giri veloci tenendo così a distanza Bottas che si è appunto dovuto guardare le spalle dal sopraggiungere di Verstappen, a sua volta attento a non cedere il passo a un Leclerc che ha potuto per lo meno dire la sua nella lotta alle posizioni che contano.

Diversa la situazione di Vettel che in questo GP del Portogallo si è dovuto accontentare di entrare in zona punti, con un sorpasso al giro 55 ai danni dell’ex compagno alla Ferrari, Raikkonen chiudendo la sua gara al decimo posto.

La classifica del GP del Portogallo

POS NO DRIVER CAR LAPS TIME/RETIRED PTS
1 44 Lewis Hamilton MERCEDES 66 1:29:56.828 26
2 77 Valtteri Bottas MERCEDES 66 +25.592s 18
3 33 Max Verstappen RED BULL RACING HONDA 66 +34.508s 15
4 16 Charles Leclerc FERRARI 66 +65.312s 12
5 10 Pierre Gasly ALPHATAURI HONDA 65 +1 lap 10
6 55 Carlos Sainz MCLAREN RENAULT 65 +1 lap 8
7 11 Sergio Perez RACING POINT BWT MERCEDES 65 +1 lap 6
8 31 Esteban Ocon RENAULT 65 +1 lap 4
9 3 Daniel Ricciardo RENAULT 65 +1 lap 2
10 5 Sebastian Vettel FERRARI 65 +1 lap 1
11 7 Kimi Räikkönen ALFA ROMEO RACING FERRARI 65 +1 lap 0
12 23 Alexander Albon RED BULL RACING HONDA 65 +1 lap 0
13 4 Lando Norris MCLAREN RENAULT 65 +1 lap 0
14 63 George Russell WILLIAMS MERCEDES 65 +1 lap 0
15 99 Antonio Giovinazzi ALFA ROMEO RACING FERRARI 65 +1 lap 0
16 20 Kevin Magnussen HAAS FERRARI 65 +1 lap 0
17 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 65 +1 lap 0
18 6 Nicholas Latifi WILLIAMS MERCEDES 64 +2 laps 0
19 26 Daniil Kvyat ALPHATAURI HONDA 64 +2 laps 0
NC 18 Lance Stroll RACING POINT BWT MERCEDES 51 DNF 0
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *