Un anno e qualche mese fa, Charles Leclerc centrava la sua prima pole in Bahrain e dominava il GP, prima che un problema al motore lo mettesse fuori gioco per il successo e lo costringesse a rallentare e chiudere in 3a posizione. Oggi, 28 novembre 2020, le due Ferrari vengono eliminate in Q2 e chiudono in 11a e 12a posizione, senza appello. Le libere avevano già evidenziato le difficoltà delle Rosse a Sakhir, che esplodono definitivamente nelle prove cronometrate: Mercedes conferma il suo dominio con Hamilton, Verstappen resta il primo avversario e nessuna sorpresa. Andiamo a scoprire i risultati delle sessioni di qualifica.

Q1: HAMILTON DOMINA, LECLERC SALVO IN EXTREMIS– Ferrari già a rischio in Q1: a tre minuti dal termine Leclerc è 15° e rischia di subire il sorpasso di un Russell in ampio miglioramento. Per fortuna, Charles è in pista e si toglie dai guai, chiudendo 9°. Il primo tempo è ovviamente di Lewis Hamilton, che chiude in 1.28.343, precedendo di 336 millesimi Stroll e di 389 millesimi Albon, che negli ultimi tre GP proverà a difendere il suo sedile in Red Bull (ampiamente in bilico). Bottas chiude solo 4° a 424 millesimi, precedendo Verstappen (+0.542), Gasly, Sainz, Ricciardo, Leclerc (+0.794) e Vettel (+0.799). Out Giovinazzi (+1.148), Raikkonen (+1.467), le Haas di Grosjean (+1.768) e Magnussen (+1.795) e Latifi (+1.839). Norris è 15° con soli 27 millesimi sul pugliese dell’Alfa Romeo, che per un soffio non passa in Q2.

Q2: BIS DI HAMILTON, OUT LE ROSSE– La Q2 viene contraddistinta da una bandiera rossa, che non sconvolge i piani dei piloti: la McLaren di Sainz si gira in un punto pericoloso per un problema alla trasmissione, dicendo subito addio ad ogni ulteriore tentativo di far segnare un tempo per il futuro ferrarista, mai a punti qui in carriera. Il migliore è nuovamente Lewis Hamilton, col nuovo record del tracciato in 1.27.586: rifila 439 millesimi a Verstappen e 477 a Bottas, e i primi tre fanno una differenza enorme su tutti gli altri. Ricciardo (4°) chiude infatti a 1”062 dal sette volte iridato, precedendo Albon (+1.163), Norris (+1.291), Perez (+1.308), Ocon (+1.351), Kvyat (+1.358) e Gasly (+1.422). Sprofondo rosso, con entrambe le Ferrari out: Vettel 11° a 1”563, con Leclerc 12° a 1”579. Out anche Stroll (+1.971) e Russell (+3.672), oltre a Sainz (senza tempo).

Q3: 98A POLE DI LEWIS HAMILTON, DUE MERCEDES IN 1A FILA– Ed è nuovamente prima fila tutta Mercedes, com’era prevedibile dopo le prove libere viste ieri. Lewis Hamilton, dopo l’uno-due delle libere, fa tre su tre in qualifica e chiude con la 98a pole position e il record migliorato del tracciato: 1.27.264 per Lewis, che rifila 289 millesimi a Bottas e 414 millesimi a Verstappen. 4° posto per Albon, ma 1”010 dal leader, mentre Perez è 5° a 1”058. Seguono Ricciardo (+1.153), Ocon (+1.155), Gasly (+1.184), Norris (+1.278) e Kvyat che è decimo a 1”354. Hamilton è l’ovvio favorito per il successo, con Bottas e Verstappen che si giocheranno il secondo posto e il vuoto dietro di loro, visto il distacco inflitto a tutti gli altri, molto vicini tra loro. Sembra scongiurata la pioggia inizialmente prevista per domani: dovrebbe attenderci un GP asciutto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *