Red Bull dominante nelle prove libere con Max Verstappen, AlphaTauri e McLaren in grande spolvero, Ferrari dai due volti e Mercedes indecifrabile, ma prima inseguitrice di Max: le prove libere ci hanno detto questo, mostrando anche i problemi di gioventù di Aston Martin e Alpine, ma le qualifiche possono essere tutt’altra storia. A Sakhir si inizia a fare sul serio, con le prime prove cronometrate del 2021, che definiranno la griglia di partenza del primo GP stagionale. Andiamo a scoprire come si sono comportati i piloti.

Q1: VERSTAPPEN IN TESTA, VETTEL OUT – Max Verstappen si conferma il più veloce del lotto, effettuando un solo tentativo e chiudendo in 1.30.499 e con un sospetto danno al fondo dopo un’uscita di pista nel giro di lancio. Sorprende il secondo posto di Yuki Tsunoda, con un’AlphaTauri mostruosa in questa Q1: il nipponico, al debutto, è secondo a soli 108 millesimi e precede Hamilton (+0.118). Quarto dopo un ottimo secondo tentativo Leclerc (+0.192), davanti a Ricciardo (+0.296), Gasly (+0.349), Alonso (+0.364), Norris (+0.403), Giovinazzi (+0.499) e Perez (+0.666), con Bottas 11° e incapace di migliorarsi nel secondo tentativo. Avanzano anche Stroll, Russell, Raikkonen e Sainz, che non si è migliorato nel secondo tentativo sentendo qualcosa che non andava nel motore (ma il box l’ha subito rassicurato). Out per soli 71 millesimi Ocon (+1.225): eliminati anche Latifi (+1.437), Vettel (+1.557) e le Haas di Mick Schumacher (+1.950) e Mazepin (+2.774), che sembrano nettamente le più lente del lotto. Disastroso in particolare il russo, con due testacoda: il secondo, avvenuto al termine del rettilineo finale e in posizione molto pericolosa, ha causato la bandiera gialla che ha impedito a Sainz, Vettel e Ocon di migliorarsi, con gli ultimi due eliminati a sorpresa. Qualifica da dimenticare per Seb, che partirà 18° con un’Aston Martin che non convince.

Q2: FERRARI IN TESTA CON LE SOFT, PEREZ OUT – Giochi di strategia nella Q2: le Red Bull di Verstappen e Perez, le Mercedes di Bottas e Hamilton e le due AlphaTauri (Tsunoda e Gasly) effettuano tutta la sessione con le medie, per partire con la mescola più duratura per la gara. Tutti gli altri con gomme soft, e sono proprio due mescole soft a prendersi la vetta del monitor dei tempi in extremis: guida a sorpresa Carlos Sainz su Ferrari in 1.30.009, con un solo millesimo sul compagno Charles Leclerc. Poi le gomme medie di Hamilton, staccato di soli 76 millesimi, con Norris (soft) quarto a precede Bottas, Ricciardo e Verstappen: Max non ha effettuato il secondo tentativo ed è comodamente in Q2 col settimo tempo e 309 millesimi di ritardo: qualificati anche Gasly, Alonso e Stroll. Dunque Hamilton, Bottas, Gasly e Verstappen scatteranno con le medie domani: l’azzardo non ha funzionato per Sergio Perez, 11° a 650 millesimi e out per soli 35 millesimi. Eliminati anche Giovinazzi (+0.699), Tsunoda (medie, +1.194), Raikkonen (+1.229) e Russell (+3.421).

Q3: SUPERLATIVA POLE PER VERSTAPPEN – Sainz, Leclerc, Hamilton, Norris, Bottas, Ricciardo, Verstappen, Gasly, Alonso e Stroll. Sono loro a giocarsi la pole position nella Q3, sfrecciando con mescola soft. Il migliore è, come in tutto il weekend, un superlativo Max Verstappen: l’olandese centra la quarta pole position in carriera con un giro strepitoso e i migliori parziali in ogni settore, strappando per la prima volta la pole position nel GP inaugurale alle Mercedes (7 su 7 dal 2014, sei di Hamilton e Rosberg nel 2016). Red Bull non centrava la pole nel primo GP dal 2013, anno dell’ultimo Mondiale di Vettel, e Verstappen non aveva mai centrato due pole consecutive (ottenne l’ultima del 2020, negli Emirati): Verstappen la centra col tempo di 1.28.997, precedendo di 388 millesimi Hamilton e di 589 millesimi Bottas. Quarto posto per Charles Leclerc (+0.681), che precede Gasly (+0.812), Ricciardo (+0.930), Norris (+0.977) e Sainz che è ottavo: per lui 1”218 di ritardo e un tempo più lento della Q2. Chiudono il gruppo Alonso (+1.252) e Stroll (+1.604). Il grande favorito è Max Verstappen, primo in ogni sessione: appuntamento domani alle 17.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *