Dopo aver vinto in un feudo-Mercedes, facendo suo il GP di Francia, Max Verstappen domina in Austria e al Red Bull Ring, volando a +18 sul suo grande rivale Lewis Hamilton: l’olandese resta in testa dal primo all’ultimo secondo, rifilando un secondo al giro a Lewis nel tratto finale e volando a 15” di margine, prima del pit-stop per il giro veloce del britannico. Red Bull domina e sfiora il podio con Perez, Ferrari rimonta con un buon passo gara: 6° Sainz (partiva 12°) e 7° Leclerc dopo una gara difficile e in costante rimonta. Andiamo a ripercorrere ciò che è successo oggi.

F1, GP STIRIA: DOMINIO DI VERSTAPPEN – Dal primo all’ultimo metro. Max Verstappen, autore della pole position ieri, domina lo Styrian GP, prima delle due gare al Red Bull Ring di Spielberg (ex A1 Ring): partenza perfetta per Max, che si difende da Hamilton e scappa subito, prendendo un secondo di margine e aumentando progressivamente con un grande ritmo. Si ferma subito invece Leclerc: un doppio contatto con Gasly danneggia la sua ala e distrugge la corsa del francese, che fora la gomma posteriore e distruggerà completamente la sospensione nel tentativo di rientrare ai box, ritirandosi. Il monegasco monta le hard e riparte 18°, dovendo avviare una grande rimonta. Nei giri seguenti, Lando Norris vede sfumare il sogno-podio: la sua McLaren taglia a sorpresa la potenza, Perez e Bottas passano e Lando dovrà accontentarsi del 5° posto. Verstappen ed Hamilton continuano il loro passo doble, con un vantaggio-monstre su tutti: entrambi hanno gomme medie, come Sainz che scattava 12°, mentre Raikkonen parte con le hard ed effettua un lunghissimo stint. Sfuma il sogno dei punti per Russell, che era 8°: un errore al pit-stop lo trasforma in un autentico calvario lungo 18”, con la necessità di pompare aria per un problema idraulico, e poi arriva il mesto ritiro per quello stesso problema.

Hamilton si ferma al 29° giro, Verstappen un passaggio dopo, mentre Leclerc entra nei dieci e sogna la 5a posizione, che è virtualmente sua visto che tutti i piloti davanti devono fermarsi: Charles però si ferma, in maniera intelligente, al 39° passaggio perchè è bloccato alle spalle di Ricciardo, e monta gomme medie per una nuova rimonta. Da ottavo finisce 14°, e a suon di sorpassi aggressivi torna prepotentemente nei punti, prendendosi con merito il premio di Driver of the Day: passa Raikkonen, Ricciardo, Giovinazzi, Vettel, Tsunoda, Alonso e Stroll, risalendo in 7a posizione con una grandiosa rimonta. Buona anche la gara di Sainz, che con la strategia e un buon ritmo è in 6a posizione e da lì non si muoverà, visto l’ampio distacco da Norris. Solo quattro piloti arrivano a pieni giri: Perez prova una strategia differente e monta le medie per soffiare il podio a Bottas, ma arriva quarto a mezzo secondo. Hamilton si ferma al 70° giro per effettuare il giro veloce, che arriva in 1.07.058 con annesso punto aggiuntivo. Max Verstappen vince cosi con quasi 40” sul secondo: podio per Hamilton e Bottas, con Perez quarto davanti a Norris, Sainz, Leclerc, Stroll, Alonso e Tsunoda. Solo quattro piloti a pieni giri: da Norris in poi, tutti doppiati.

Max Verstappen allunga ulteriormente su Lewis Hamilton, portandosi a +18: 156pti contro i 138 di Hamilton, che precede Perez (96), Norris (86), Bottas (74), Leclerc (58) e Sainz (50). Nel costruttori, Red Bull a +28 su Mercedes, con Ferrari quarta a -12pti da McLaren. E tra sette giorni si replica ancora in Austria, con Verstappen che sogna la terza vittoria consecutiva…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *